Natura e arte nello stile italiano

Front Cover
Albrighi, Segati & c., 1909 - Italian language - 276 pages
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 181 - A che fine ami tu questa tua donna, poi che tu non puoi sostenere la sua presenza? Dilloci, che certo lo fine di cotale amore conviene che sia novissimo.
Page 182 - Onde io, pensando a queste parole, quasi vergognoso mi partio da loro, e venia dicendo fra me medesimo: «Poi che è tanta beatitudine in quelle parole che lodano la mia donna, perché altro parlare è stato lo mio?».
Page 182 - ... io tenesse ; e pensai che parlare di lei non si convenia che io facesse, se io non parlasse a donne in seconda persona, e non ad ogni donna, ma solamente a coloro che sono gentili e che non sono pure femmine.
Page 172 - Dall'una all'altra di queste terre, dalle montagne al lago, da una montagna all'altra corrono molte stradicciuole, ora erte, ora dolcemente pendenti, ora piane, chiuse per lo più da muri fatti di grossi ciottoloni e coperti qua e là di antiche edere, le quali dopo aver colle barbe divorato il cemento, ficcano le barbe stesse fra un sasso e l'altro e servono esse di cemento al muro, che tutto nascondono.
Page 27 - 1 falso, e d' altro lato Con difetto procede; Che le divizie, siccome si crede, Non posson gentilezza dar, né torre; Perocché vili son da lor natura: Poi chi pinge figura, Se non può esser lei, non la può porre: Né la diritta torre Fa piegar rivo che da lunge corre. Che sieno vili appare ed imperfette, Che, quantunque collette, Non posson quietar, ma dan più cura; Onde 1' animo, eh' è dritto e verace., Per lor discorrimento non si sface.
Page 181 - Ma poi che le piacque di negarlo a me, lo mio segnore Amore, la sua merzede, ha posto tutta la mia beatitudine in quello che non mi puote venire meno...
Page 172 - Lecco è la principale di queste terre e da il nome alla riviera : un grosso borgo a questi tempi, e che altre volte aveva l'onore di essere un discretamente forte castello, onore al quale andava unito il piacere di avervi una stabile guarnigione, ed un comandante, che all'epoca in cui ac» cade la storia che siamo per narrare era spagnuolo.
Page 33 - ... bisogno. Vi hanno altri sentimenti dei quali il mondo ha bisogno, e che uno scrittore secondo le sue forze può diffondere un po...
Page 42 - Lungi dal proprio ramo, Povera foglia frale, Dove vai tu? — Dal faggio Là dov'io nacqui, mi divise il vento. Esso, tornando, a volo Dal bosco alla campagna, Dalla valle mi porta alla montagna. Seco perpetuamente Vo pellegrina, e tutto l'altro ignoro. Vo dove ogni altra cosa, Dove naturalmente Va la foglia di rosa, E la foglia d'alloro.
Page 172 - ... pascoli verdissimi, in parte coperte di carpini, di faggi e di qualche abete. Fra questi alberi crescono pure varie specie di sorbi e di dafani, il cameceraso, il rododendro ferrugigno...

Bibliographic information